Oggi è importante poter contare su una strategia di marketing multicanale, capace di sfruttare tutte le opportunità per catturare l’attenzione del pubblico. L’obiettivo non è solo quello di portare gli utenti nel proprio punto vendita: bisogno anche mantenere alta l’attenzione e fidelizzare. Ecco perché il focus è per la radio personalizzata.

Stiamo parlando di un’infrastruttura tecnica e di un lavoro basato sul content marketing che, insieme, riescono a creare un canale comunicativo unico all’interno dello shop. 

Quando un potenziale cliente entra nel tuo negozio – che sia un supermercato, uno store GDO o una qualsiasi altra attività – ha bisogno di un contatto. Una voce amica. La puoi creare con una radio personalizzata. Ecco di cosa stiamo parlando esattamente.

Spiegazione: cos’è una radio personalizzata?

Con questo termine intendiamo un tipo di radio In-Store, ovvero all’interno di un punto vendita, in cui si possono personalizzare tutti i contenuti per fare in modo che si adeguino a quelle che sono le esigenze del pubblico utile allo scopo e agli obiettivi da raggiungere.

Il concetto fondamentale di ogni radio personalizzata è la capacità di basare la sua realizzazione e trasmissione su quelle che sono le direttive dell’ufficio marketing. Molte attività vogliono una radio personalizzata per intrattenere, altri per fare brand awareness.

D’altro canto, per realizzare questo strumento è necessario avere al proprio fianco non solo le figure creative per ottenere lo scopo ma anche un’infrastruttura tecnica.

Da leggere: radio personalizzata o playlist? Come scegliere?

A cosa serve una radio personalizzata?

Lo scopo di questo strumento di marketing va oltre il classico sottofondo musicale. Ci sono diversi obiettivi che possono spingerti a investire in una radio personalizzata. 

Informazione

Il primo obiettivo è informativo: all’interno del palinsesto si possono creare dei passaggi in cui una voce narrante interrompe la selezione musicale per dare delle informazioni.

Informazioni che possono essere generiche – semplice lavoro di content curation in cui si utilizza il format del notiziario per dare delle indicazioni di pubblica utilità. Ma si possono creare anche degli annunci informativi di tipo commerciale. Ad esempio:

  • Apertura e chiusura del punto vendita.
  • Giorni festivi o feriali per il pubblico.
  • Eventuali periodi di stop e ferie.
  • Nuovi prodotti, sezioni, aree commerciali.

In più c’è l’aspetto promozionale: la radio personalizzata può prevedere dei jingle per interrompere la programmazione e informare chi ascolta di eventuali sconti e offerte speciali in arrivo o già in essere. Senza dimenticare ciò che riguarda i saldi di fine stagione. 

Time in store

Altro obiettivo di una radio personalizzata? Il tempo trascorso nello store. Così come un bravo data analyst online analizza la permanenza sul sito web – che è un indice positivo per determinare ipotetica soddisfazione e piacere nel muoversi tra le pagine – anche un analista delle abitudini degli acquirenti offline si sofferma su questo dato decisivo.

Ovvero, quanto tempo si trascorre nel negozio? Ovviamente maggiore è la durata di quest’attività e superiori sono le occasioni di vendere. Spesso gli specialisti del marketing della GDO cambiano disposizione dei prodotti proprio per evitare che le persone creino dei percorsi prestabiliti, ignorando la scoperta di nuovi beni da mettere nel carrello. 

Brand building

Di sicuro questo è un obiettivo decisivo per ottenere dei risultati interessanti. In primo luogo, la presenza di una radio personalizzata in store ti consente di lavorare sulla definizione del brand e sulla presentazione del tuo tone of voice. Quando le persone entrano nei tuoi spazi possono avere subito un contatto audio con quella che è la tua brand identity. 

Scegliere una lista di brani – ovviamente in regola con le norme SIAE – vuol dire comunicare all’utente chi sei, quali sono i tuoi valori, come ti vuoi presentare. Se preferisci solo musica italiana stai parlando a un determinato target, se lavori con brani internazionali strizzi l’occhio a un’altra fetta e se, invece, intervieni sui generi hai un’audience più definita.

Attività specifiche

Senza dimenticare che in alcuni casi la radio personalizzata ha anche uno scopo legato alle attività svolte negli spazi. Pensa, ad esempio, a ciò che succede nella definizione del palinsesto per la radio personalizzata di una palestra: la scelta di determinati brani segue le esigenze tecniche delle attività e non i gusti del potenziale cliente in ascolto. 

Che magari ama la musica pop inglese o la lirica ma in quella circostanza è d’accordo nell’uso della tecno. Lo stesso si può prevedere con un luogo commerciale con un target molto specifico come, ad esempio, i bambini: non ci sono gusti definiti ma la musica diventa un vero e proprio elemento di intrattenimento per legare l’utente al luogo.

Perché è importante la personalizzazione?

Non ci soffermiamo abbastanza su questo punto. Oggi le nuove tecnologie del web permettono a chiunque abbia un minimo di competenze con i media digitali di creare una radio online da trasmettere in spazi pubblici o privati. Ci sono diversi servizi, gratuiti, che ti consentono di lavorare in questa direzione. Pensa, è possibile creare una radio online con YouTube o con Soundcloud. Magari c’è l’opzione Spotify che ti interessa. Ma conviene?

In realtà, come annunciato, è la personalizzazione che fa la differenza. Non basta avere un canale streaming di musica: serve un circuito capace di accogliere programmi, interventi, approfondimenti. Con un servizio professionale per la realizzazione di una radio personalizzata puoi inserire tutto ciò che serve per raggiungere i tuoi obiettivi strategici:

  • Brand identity.
  • Fidelizzazione.
  • Informazione.
  • Time in store.
  • Commerciale.

La musica in store e la relativa informazione che puoi veicolare nella programmazione hanno scopi differenti da un unico comune denominatore: la centralità della personalizzazione. Che è una tendenza importante nel marketing in generale.

Radio personalizzata

Come sottolinea anche blog.taboola.com, fonte dell’immagine, la personalizzazione è diventata davvero centrale per un cambiamento sistemico nel marketing. E la maggior parte delle aziende afferma che offrire esperienze personalizzate è una priorità.

Da leggere: quali sono i falsi miti della radio personalizzata

Come creare una radio personalizzata professionale

La soluzione migliore: contattare i professionisti della musica in store e delle radio personalizzate per ottenere esattamente ciò che ti serve: un supporto tecnico e strategico.

Così è possibile realizzare una programmazione in store per supermercati, GDO, grandi magazzini, palestre e qualsiasi struttura che ha bisogno di una marcia in più per sviluppare la propria strategia di marketing uditivo ed esperienziale. Vuoi realizzare la tua radio?